lunedì 7 maggio 2012

Crisi

In qualche modo sentivo che stava arrivando, ma come al solito cercavo di negarlo. Nelle ultime settimane mi sentivo sempre più triste i sintomi si facevano più forti ed era sempre più difficile ignorarli. Ho mangiato poco, ho dormito poco, sentivo sempre più voglia di piangere, mi nascondevo, mi sfogavo quando nessuno poteva sentirmi, ma poi non ce l'ho fatta più, sono crollata davanti a mia madre, strillavo piangevo e urlavo, non volevo che mi vedesse in questo stato, per lei e per me, normalmente peggiora anche la situazione, ma per fortuna questa volta mi è stata semplicemente accanto e mi ha stretta forte a se. In questi giorni mi sono imbottita di psicofarmaci, non sentivo il tempo passare, è come essere ipnotizzata, in un certo senso mi attrae più ne prendi e più il mondo scompare... Ma ovviamente bisogna seguire le dosi prescritte dal medico. Sento dentro di me un costante desiderio di cercare aiuto, ma allo stesso tempo so dentro di me che la cosa è irrisolvibile e questo mi fa stare ancora più male. Comunque piano, piano sto recuperando, sto prendendo già meno medicine e vorrei cercare di mettermi a studiare seriamente per gli esami che sono oramai vicinissimi ( e io non ho fatto praticamente nulla ). vORREI, che strana parola VORREI, in realtà non voglio non voglio continuare, non voglio studiare non mi frega niente di passare, non si tratta più di volere nella mia vita c'è solo il dovere. Disperatamente ho parlato con una mia amica, che ha avuto un altro tipo di problema e ne è riuscita ad uscirne, mi ha colpito molto una cosa che mi ha detto...ha detto nel subconscio un depresso non vuole veramente uscire dalla sua situazione, pensa di volerlo fare, fa cose per riuscire ad uscirne, ma se ricade, se dice e se si sente che la cosa impossibile in realtà semplicemente non vuole senza saperlo... Può essere mai possibile una cosa del genere? Come può il tuo inconscio voler rimanere intrappolato in una malattia che piano piano fa morire?

7 commenti:

  1. Certo che è possibile. Allora,io dico sempre di volerne uscire..ma secondo te,faccio effettivamente qualcosa perchè questo avvenga? no.
    Aspetto come un aiuto dal cielo,dalla divina provvidenza che chiaramente non arriverà mai. Mai,perchè siamo noi le sole a potersi alzare e rimboccare le maniche,ma dobbiamo volerlo davvero per farlo se no non funziona. Tutto sta nella forza di volontà. Io mi lamento,soffro,mi lamento di soffrire ma non faccio nulla per cambiare le cose. Perchè in fondo ci voglio restare in questa tristezza,in questa disperazione,in questo schifo. è la mia vita.
    Spero che tu sia più forte di me.
    Ti stringo
    A.

    RispondiElimina
  2. Concordo con A. Nient'altro da dire...

    RispondiElimina
  3. Ehy piccola,
    ho visto che hai commentato uno dei miei post,mi fa piacere sentirti vicina e hai tremendamente ragione quando dici di aver trovato una somiglianza,ce ne sono moltissime,troppe e anche nei tuoi post ho visto che abbiamo molto in comune.
    Leggendo questo post ho sentito molta disperazione,voglia di uscirne anche se come ha detto A. non facciamo effettivamente nulla per uscirne e credo proprio che la tua amica abbia perfettamente ragione,credo che sia davvero come dice lei ed è assurdo se ci pensiamo bene bene.
    Posso solo dirti che mi fa piacere vedere che tua madre non ti ha dato contro,ma anzi ti ha stretta,ti ha fatto sentire la sua vicinanza.
    Non lasciarti andare,combatti,resisti.
    Io sono con te e ci sarò sempre.
    Un abbraccio
    V <3

    RispondiElimina
  4. Tesoro ti capisco...
    anch'io 'vorrei' riuscire a studiare per gli esami...sono mesi che mi ripeto domani comincio, domani comincio...ma domani non arriva mai. Non ho più voglia di niente, non ho più voglia di me. Cerco continuamente aiuto in modo disperato ma in realtà non lo chiedo mai.L'unica volta che l'ho chiesto mi è stato negato, e quel rifiuto mi ha segnato nel profondo.
    Mi trascino da una parte all'altra, vivo in un mio mondo irreale, quasi rassegnata all'inevitabile...non ci sono cure per me o forse non le voglio vedere o forse non voglio guarire davvero. Ogni tanto faccio qualche piccolo passo avanti verso la vita ma poi mi boicotto da sola e ne faccio cento indietro. E' davvero possibile quello che ha detto la tua amica...spero che tu tesoro possa trovare la forza per voler uscire da tutto questo...ti sono vicina :*

    RispondiElimina
  5. concordo anche io con A. su tutto.
    Se lo vuoi, ti libererai di tutto.
    ti stringo tanto!

    RispondiElimina
  6. io credo sia la paura..
    una malattia protegge.
    nonostante tutto.
    nonostante faccia male..
    preferiamo farci male da sole..che riceverlo dal mondo..
    e ci nascondiamo dentro noi stesse..perchè crediamo o perchè forse..siamo quelle che conosciamo meglio..
    se il vuoi non va il devi non va..prova col puoi..
    sapere che in potenza si è qualcosa..credimi..è il primo passo..
    è difficile..tanto..
    ma noi possiamo.essere.

    aspetto i tuoi aggiornamenti..
    e ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  7. tesoro come stai?
    ti stringo forte forte <3

    RispondiElimina